Menu

Cacciatore Testata Grigio Ok
Arco Testata Grigia
CT Testata Grigia

facebook Greentime facebook Arco facebook Caccia&Tiro

IL CACCIATORE ITALIANO n. 4/2017

Ancora una volta l’apertura si sta avvicinando con il suo carico di aspettative, di emozioni e programmi. Quella che per noi è una festa sarà però l’occasione per rilanciare polemiche da parte di chi cerca consensi e magari nuove adesioni fra coloro che, senza essere apertamente contrari, vedono comunque la nostra attività come un qualcosa di difficilmente comprensibile, men che mai condivisibile. Non è a onor del vero una novità, ma negli ultimi anni si è certo ancora più rapidamente allargato il divario fra una società fortemente urbanizzata e industrializzata e un mondo rurale - di cui la caccia fa pienamente parte - profondamente trasformato nelle sue pratiche e attività tradizionali secondo logiche “industriali”.
Abbiamo ascoltato di recente all’Assemblea del CIC una interessante tavola rotonda sul tema della percezione e accettazione della caccia da parte della società. Proprio di un cambio di linguaggio per affrontare in modo vincente il confronto ha parlato il canadese Shane Patrick Mahoney, che ha oltre 30 anni di esperienza come zoologo, gestore di fauna selvatica, comunicatore e consulente, impegnato sul difficile terreno della coabitazione fra cacciatori e non cacciatori. Il punto in comune fra i due mondi è senza dubbio l’amore per la natura e la sua conservazione.
Quello che li differenzia è l’idea di come raggiungerla. Sappiamo bene come cacciatori che mettere l’ambiente sotto una campana di vetro non solo è inutile, ma addirittura controproducente. Il risultato che si ottiene è esattamente il contrario e ne abbiamo quotidiane prove anche nel nostro Paese.
È stato provato invece che l’uso sostenibile della fauna applicato attraverso una caccia regolamentata e ben regolata è un efficiente meccanismo di conservazione.
L’uso sostenibile delle risorse naturali dunque, e la caccia è riconosciuta come tale, deve essere salvaguardato e promosso attraverso la conoscenza. Le diverse facce dell’attività venatoria - passione, dedizione e scienza - possono tranquillamente coesistere e non sono in contrasto fra loro. È compito di noi cacciatori salvaguardare la biodiversità, che è un bene universale di tutti, e in cambio di questo nostro impegno vedere riconfermato il nostro diritto alla caccia, nell’accettazione e nel rispetto da parte della società. Facendo comprendere anche che della biodiversità fanno parte la complessità e la diversità delle culture figlie dell’uomo, compresa la nostra, il nostro modo di vivere la natura, che per questo deve essere da tutti considerato e salvaguardato.
Facile? No, perché imparare a parlare un’altra lingua non è mai facile. Ma necessario sì. Perché così facendo quella che per noi è la magia dell’alba dell’apertura che stiamo per vivere sarà colta anche dagli altri e non verrà letta come retorica di gente che vive nel passato, ma come un valore, un patrimonio di un popolo, quello dei cacciatori, che pensa al futuro. Di tutti.

L’EDITORIALE; APPUNTAMENTI ISTITUZIONALI, All’ombra dell’Arena; CACCIATORI ZONA ALPI, Ritorno alle origini; GAME FAIR 2017, Sotto lo stesso tetto; MANIFESTAZIONI, La forza dell’Umbria; TESSERAMENTO, Pensata per i migratoristi;
UFFICIO AVIFAUNA MIGRATORIA, Bravi, ma non basta - Tre studi sugli scolopacidi - Ripopolamenti, ma non solo; UFFICIO FAUNA STANZIALE, Esperienze a confronto - Un equilibrio da ristabilire; AGONISMO CINOFILO, Tutta Italia a casa Abruzzo -
I lombardi conquistano la Coppa - Nel nome di Maremma - Poker di campioni; AGONISMO TIRO A VOLO, Il tricolore è di casa a Piancardato - Il pull e il mark nei cieli d’Umbria; ARCIERI CACCIATORI, Un debutto di prestigio; VETERINARIA, Le affezioni della prostata; IL LEGALE, Un’interpretazione discutibile; MANIFESTAZIONI, Il Sud in fiera; CONVEGNI, Soluzioni ponderate; DALLE REGIONI; SABATTI SAPHIRE, Multicalibro da caccia; FAUSTI ITALYCO SLX TEMA 1, Concentrato di stile; TUTTI A BORDO, Nissan X-Trail 4Dogs.

 

 

Greentime Spa

Via San Gervasio 1 - 40121 Bologna - Italia
Tel. +39 051223327

Cap. Soc. € 334.087,00 i.v.- R.E.A. Bologna n. 130839
P.I. 00279880371

bottone facebook

Log In or Register

fb iconLog in with Facebook