Menu

Cacciatore Testata Grigio Ok
Arco Testata Grigia
CT Testata Grigia

facebook Greentime facebook Arco facebook Caccia&Tiro

IL CACCIATORE ITALIANO n. 5-6/2020

Con l’autunno sono tornate a crescere le preoccupazioni legate al Covid-19 e con queste le misure per tentare di frenarne la diffusione, comprese restrizioni e sospensioni di alcune attività. Il nostro auspicio ovviamente è che grazie alle attenzioni e al senso di responsabilità di tutti la situazione rimanga sotto controllo, evitando il realizzarsi di quadri foschi come quello di un nuovo confinamento generalizzato, le cui conseguenze sarebbero sotto tutti i punti di vista disastrose. Come Federcaccia abbiamo provveduto già prima dell’estate a realizzare una serie di opuscoli contenenti un elenco di buone pratiche da seguire nelle diverse forme di caccia e attività agonistico-venatorie, sia per ottemperare alle indicazioni contenute nei vari Dpcm che per dare alcune linee di azione alle nostre strutture e ai cacciatori. Lo abbiamo fatto anche per mostrare a chi cacciatore non è che la caccia per sua stessa natura è una delle attività che maggiormente si presta a seguire le norme sul distanziamento. Al di là delle contingenze, non vi è dubbio che l’esperienza della pandemia abbia portato la società a ripensare sé stessa sotto molti aspetti, da quello economico-produttivo a quello sociale, dal lavoro al tempo libero. Non possiamo estraniarci da questa riflessione, a cui si sommano quelle portate dai temi discussi a livello nazionale e internazionale dei cambiamenti climatici; delle trasformazioni dell’agricoltura indotte dalle scelte della Pac; della perdita di biodiversità e crescita di specie opportuniste; della necessità di tutela del patrimonio faunistico come bene comune. Il tutto in un contesto che disegna la caccia come una attività residuale e anacronistica, dove il benessere animale viene declinato in modi estremi e l’antispecismo è diventato una sorta di nuova religione. Dobbiamo essere nel dibattito ed esserci da protagonisti. La Federcaccia non può e non vuole rassegnarsi ad assistere passivamente al lento declino della cultura venatoria, ma sente l’obbligo di farsi promotrice di una profonda trasformazione che abbia come priorità assoluta quella di salvare la caccia. Federcaccia è un’organizzazione complessa, presente su tutto il territorio con una diversità di realtà organizzative che renderebbe sbagliato tentare di imporre un unico modello valido per tutti. Ma comuni possono essere le linee guida da seguire per garantire efficienza, efficacia e solidità organizzativa. Su queste nei prossimi mesi ci confronteremo con i gruppi dirigenti a tutti i livelli, per raccogliere esperienze, indicazioni, idee e modelli di riforma organizzativa.

L’EDITORIALE; ANNIVERSARIO, 120 anni di federcacciatori; RIFLESSIONI, La mia licenza di caccia; NOVITÀ EDITORIALE, I tanti volti della gestione; UFFICIO STUDI E RICERCHE, La migrazione intercalare della quaglia - Tortora: il prelievo in Europa - Vittima dei pregiudizi - Al servizio della Salute - Un nuovo rischio per la caccia?; LIFE PERDIX, Il Progetto non si ferma; AGONISMO CINOFILO, Un poker di campioni - Un S.Uberto di montagna - A Collacchioni vince sempre la cinofilia - Dopo il “lockdown” torna l’agonismo - Una Coppa per due - In cento per il titolo - Vette tricolori - CACCIATORI ZONA ALPI, Un Fondo per la ricerca; ARCIERI CACCIATORI, Dalla Genesi ad oggi; CACCIATORI FALCONIERI, La Falconeria nel mondo; VETERINARIA, Spore pericolose; IL LEGALE, Munizioni: un utile ripasso; FONDAZIONE UNA, Una digital race sulla biodiversità; DONNE & CACCIA, Un Progetto rivolto al futuro; DALLE REGIONI; RUBRICHE, Sabatti Saphire Dna da Cacciatrice; YIldiz SPZ-SM Black cal. .410 Piccolo grande fucile; Volkswagen Arteon Shooting Brake


Greentime Spa

Via San Gervasio 1 - 40121 Bologna - Italia
Tel. +39 051223327

Cap. Soc. € 334.087,00 i.v.- R.E.A. Bologna n. 130839
P.I. 00279880371

bottone facebook